Giovedì, 13 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Gimbe: giù contagi e ricoveri ma ancora lenti a vaccinare

In 13 Regioni resta allerta per le terapie intensive

Roma, 15 apr. (askanews) - Frenano i nuovi casi di coronavirus in Italia nella settimana dal 7 al 13 aprile: -15,4% rispetto a quella precedente, secondo il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe. Aumentano però i decessi, 3.083 contro 2.868, ma il dato positivo e che iniziano lentamente ad alleggerirsi gli ospedali, sia i ricoveri con sintomi, -8,1%, che quelli in terapia intensiva, -5,8%.

"I nuovi casi e la loro variazione percentuale continuano a scendere - ha dichiarato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione - ma con un bacino di 520mila casi attualmente positivi è impossibile riprendere il tracciamento dei contatti".

Sul fronte ospedaliero, 7 Regioni sono sopra la soglia di allerta per l'area medica e 13 per le terapie intensive. "Si conferma il calo dei nuovi ingressi giornalieri in terapia intensiva - ha spiegato Marco Mosti, Direttore Operativo di Gimbe - ma la media mobile a 7 giorni rimane superiore ai 200 ingressi al giorno".

Per i vaccini, inoltre, secondo i dati di Gimbe, al 14 aprile, al netto dei ritardi, risulta consegnato il 22,7% delle dosi previste per il primo semestre 2021. Un over 80 su 4 non ha ancora ricevuto il vaccino e la fascia 70-79 è ancora ai nastri di partenza, tra ritardi nelle consegne e diffidenza dei cittadini verso AstraZeneca e ora anche Johnson and Johnson.

Si parla di

Video popolari

Covid, Gimbe: giù contagi e ricoveri ma ancora lenti a vaccinare

Today è in caricamento