Giovedì, 13 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Gimbe: nuovi casi in calo ma è allarme terapie intensive

Oltre soglia d'allarme in 12 Regioni. A rilento vaccini a fragili

Roma, 25 mar. (askanews) - Calano leggermente i nuovi casi e i decessi. Ma continuano ad aumentare i ricoveri con sintomi e le terapie intensive. Questi i dati del monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe sulla situazione Covid-19 in Italia, in riferimento alla settimana 17-23 marzo, rispetto alla precedente.

Nel dettaglio, sono stati 290 in più i ricoveri in intensiva e 2.330 in più i pazienti ricoverati con sintomi; +4,6% i casi attualmente positivi nel Paese.

"Nel pieno della terza ondata - ha dichiarato Nino Cartabellotta, presidente di Gimbe - si intravedono i primi segnali di miglioramento", tuttavia, "il dato nazionale risente di situazioni regionali molto eterogenee".

Nella maggior parte delle Regioni che erano in zona rossa o arancione o avevano comunque attuato rigorose restrizioni mirate, calano i nuovi casi; in aumento, invece, in Regioni che tre settimane fa erano in area gialla o bianca.

Superata la soglia d'allarme in 10 e 12 Regioni rispettivamente per l'area medica e per le terapie intensive, che in 5 Regioni (Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Abruzzo, Toscana)hanno una saturazione al 40 per cento e in 5 (Marche, Lombardia, P.A. Trento, Piemonte, Emilia-Romagna) al 50 per cento. Sul fronte vaccini, non risultano consegnate oltre un terzo delle dosi previste. Si procede ancora a rilento nel proteggere i più fragili: nella vaccinazione degli over 80 si registra che solo il 19,1% ha completato il ciclo e il 27,4% ha ricevuto la prima dose.

Si parla di

Video popolari

Covid, Gimbe: nuovi casi in calo ma è allarme terapie intensive

Today è in caricamento