Martedì, 2 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Gimbe: raddoppio casi in 7 giorni. Servono lockdown mirati

Nell'ultima settimana: +40% dei ricoveri e +61% terapie intensive

Roma, 15 ott. (askanews) - Raddoppio dei contagi da Covid 19 in Italia, +40% dei ricoveri e +61% di terapie intensive, rispetto alla settimana scorsa. Il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe sottolinea che dal 7 al 13 ottobre c'è stato un incremento esponenziale nel trend dei nuovi casi (oltre 35mila contro oltre 17mila) a fronte di un moderato aumento dei casi testati (quasi 506mila contro quasi 430mila) e di un netto incremento del rapporto positivi/casi testati (7% contro 4%). Sul fronte degli ospedali, c'è un'impennata dei pazienti ricoverati con sintomi e in terapia intensiva (514 contro 319). Crescita costante anche sul fronte decessi (216 a 155).

Per Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. "con l'aumentare vertiginoso dei numeri il dato nazionale non rende conto delle marcate differenze regionali e provinciali che richiedono provvedimenti più restrittivi al fine di circoscrivere tempestivamente tutti i focolai e arginare il contagio diffuso". Ad esempio, nell'ultim settimana l'incidenza di nuovi casi per 100.000 abitanti, rispetto a una media nazionale di 58,3, è superiore a 100 in Valle d'Aosta (141,6) e Liguria (113,1) e in 6 province: Belluno (181,3), Genova (144,7), Arezzo (129), Pisa (125,3), Prato (125,3), Napoli (110,3).

Per il presidente di Gimbe, gli effetti del nuovo DPCM non si potranno valutare prima di 3 settimane, ma "saranno in parte neutralizzati dall'incremento esponenziale dei contagi e dall'ulteriore sovraccarico dei servizi sanitari dovuto alla stagione influenzale". La Fondazione lancia un appello al senso di responsabilità e alla massima collaborazione tra presidenti di Regioni e amministratori locali, soprattutto i sindaci a intervenire tempestivamente con misure restrittive locali, compresi lockdown mirati. Altrimenti, con i trend delle ultime settimane, "il rischio di restrizioni più ampie, lockdown incluso, sostiene Gimbe è dietro l'angolo".

Si parla di

Video popolari

Covid, Gimbe: raddoppio casi in 7 giorni. Servono lockdown mirati

Today è in caricamento