Sabato, 27 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Inail: oltre 100mila i contagi sul lavoro e 366 decessi

Il picco dei casi nell'ultimo bimestre

Roma, 22 dic. (askanews) - Oltre 104mila contagi da Covid-19 sul lavoro e 366 morti dall'inizio della pandemia al 30 novembre. Sono i dati forniti dall'Inail, secondo cui, rispetto alle oltre 66mila denunce rilevate al 31 ottobre scorso, i casi in più sono 37.547, di cui oltre 27.700 solo riferiti a novembre.

La "seconda ondata" delle infezioni ha avuto quindi un impatto più significativo della prima, anche in ambito lavorativo. Nel bimestre ottobre-novembre, infatti, si rileva il picco dei contagi di origine professionale, con quasi 49mila denunce di infortunio (pari al 47% del totale).

Diverso l'andamento dei decessi. La metà (50,3%) è avvenuta ad aprile, il 33,1% a marzo, lo 0,3% ad agosto e settembre. Guardando all'analisi territoriale, le denunce ricadono ancora soprattutto nel Nord del Paese: il 50,3% nel Nord-Ovest (il 30,5% in Lombardia), il 21% nel Nord-Est.

Quasi sette denunce su 10 sono nel settore della sanità e assistenza sociale. Gli altri settori più colpiti sono i servizi di supporto alle imprese (vigilanza, pulizia e call center), il manifatturiero (tra cui gli addetti alla lavorazione di prodotti chimici e farmaceutici, stampa, industria alimentare), le attività dei servizi di alloggio e ristorazione e il commercio.

La categoria professionale più colpita continua a essere quella dei tecnici della salute, con il 38,6% delle infezioni denunciate, circa l 82% relative a infermieri, e il 9,3% dei casi mortali. Le altre categorie più coinvolte sono quelle degli impiegati amministrativi (4,3%), degli addetti ai servizi di pulizia (2,2%), dei conduttori di veicoli (1,2%) e dei dirigenti amministrativi e sanitari (1,0%).

Infine, l'Inail ha fatto l'identikit dei lavoratori contagiati. La maggioranza sono donne (69,4%), con un età media dall inizio dell epidemia di 46 anni per entrambi i sessi. Il 42,5% delle denunce riguarda la classe 50-64 anni, seguita dalle fasce 35-49 anni (36,8%). I decessi, invece, sono concentrati soprattutto tra gli uomini (84,2%) e nella fascia 50-64 anni, con il 71,6% del totale dei casi.

Si parla di

Video popolari

Covid, Inail: oltre 100mila i contagi sul lavoro e 366 decessi

Today è in caricamento