Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Istat: colpiti i contratti a termine, le donne e i giovani

Con la crisi anche gli stranieri tra i più penalizzati

Roma, 11 dic. (askanews) - La crisi causata dalla pandemia di coronavirus ha colpito "duramente i lavoratori contrattualmente più fragili e svantaggiati". Secondo i dati Istat sul mercato del lavoro nel terzo trimestre dell'anno, i dipendenti a termine che nell'arco di 12 mesi hanno perso il lavoro sono passati dal 16,9% del terzo trimestre 2019 al 23,3% di quello 2020, e decisamente più ridotta è stata la transizione verso il lavoro stabile, dal 23,9% al 22,4%.

Ma ci sono altri segmenti deboli che hanno mostrato un peggioramento più marcato: le donne, tra cui la perdita del lavoro è passata dal 7% al 9,2%, mentre tra gli uomini dal 5,5% si è saliti al 7%; i giovani, che dall'8,8% sono passati al 12,8% e soprattutto gli stranieri: che dal 6,7% sono passati al 10,5%. A fronte di una variazione dal 6,1% al 7,6% per gli italiani.

Inoltre, segnala l'Istat, nel terzo trimestre il numero di occupati torna a crescere in termini congiunturali (+56mila, +0,2%), per effetto di un aumento dei dipendenti più consistente del calo degli indipendenti. Il tasso di occupazione sale al 57,9%. Torna a crescere però anche il tasso di disoccupazione, che sale al 10% (+0,9 punti), e riguarda soprattutto, ancora, donne e giovani di 15-34 anni.

Si parla di

Video popolari

Covid, Istat: colpiti i contratti a termine, le donne e i giovani

Today è in caricamento