Giovedì, 22 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, la ristorazione collettiva in crisi, perso 67% fatturato

61 mila lavoratori in esubero, serve rilancio del settore

Milano, 30 giu. (askanews) - Una situazione complessa e per certi versi drammatica, ma con possibilità di ripresa, è la fotografia scattata da Oricon sull'impatto dell'emergenza causata dal coronavirus sulle aziende della ristorazione collettiva come racconta Carlo Scarsciotti presidente di Oricon, l'osservatorio sulla ristorazione collettiva e nutrizione.

"Noi abbiamo perso il 67% di fatturato nei tre settori pricipali, lo scolastico perchè le scuole erano chiuse, nell'aziendale perchè sono rimasti aperti solo i servizi essenziali e nell'ospedaliero perchè erano quasi tutti reparti Covid. Questi sono dati molto preoccupanti ma il settore ha dimostrato una grande resilienza, è qualcosa che avevamo già nel nostro dna, il settore si è riadattato nei rami dove ha continuato a operare nel sanitario e nel socio assistenziale, ossia le case di riposo, hanno dimostrato sicurezza ed esperienza che sono dati non nuovi per noi".

La ristorazione collettiva in Italia assicura oltre 1 miliardo e mezzo di pasti, per un mercato del valore di 6 miliardi di euro, la ripartenza è molto lenta anche a causa dell'ampia diffusione dello smart working.

"Abbiamo delle incognite, che in questo momento sono tangibili perchè abbiamo 61 mila lavoratori in esubero, vale a dire 4 volte l'Ilva di Taranto compreso l'indotto, l'80% del personale è di genere femminile e di questo oltre il 50% ha più di 50 anni con un problema di reinserimento nel mondo del lavoro importante e il 90% del nostro personale è a tempo indeterminato. Per cui la preoccupazione è di perdere Know how e professionalità su cui negli anni le aziende hanno molto investito".

Il settore della Ristorazione collettiva impiega 96.000 addetti, in questa fase c'è stato un massiccio ricorso alla cassa integrazione: questi gli scenari per un prossimo futuro.

"Da un lato andare avanti con la cassa integrazione fino a fine anno ma questo significa una spesa per il pubblico di 6-7 milioni l'anno, oppure perdere questo gettito di 1,3 miliardi e poi non voglio neanche immaginare che 61 mila posti di lavoro vengano persi".

Per salvaguardare posti di lavoro e contributi previdenziali è necessario agire in fretta.

"Per cui quello che chiediamo al Governo è Cassa integrazione per permetterci di superare questa impasse, che non è strutturale ma momentaneo e salvare le competenze, secondo ci vuole un dibattito su presenza fisica e smart working che mette in crisi molti settori oltre il nostro, e chiediamo al Governo una revisione degli appalti pubblici e una revisione del sistema burocratico che rallenta molto il sistema".

Guardare avanti con fiducia e in sicurezza si può ma soprattutto si deve.

Si parla di

Video popolari

Covid, la ristorazione collettiva in crisi, perso 67% fatturato

Today è in caricamento