Martedì, 2 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, mini-lockdown ad Arzano: scatta protesta dei commercianti

Chiusi scuole e negozi fino al 23 ottobre per il boom dei casi

Roma, 15 ott. (askanews) - Protestano i commercianti di Arzano, grosso centro in provincia di Napoli, dove da poche ore è scattato un mini lockdown disposto dalla Commissione straordinaria che amministra il Comune in seguito a un considerevole incremento di contagi da Covid-19, oltre 200. Alcune decine di esercenti prima hanno manifestato sotto la sede del Municipio, poi hanno organizzato un blocco stradale alla rotonda che dà l'accesso alla città, a Nord del capoluogo campano, paralizzando il traffico. Problemi anche sull'Asse mediano, strada a scorrimento veloce che collega Napoli ai comuni dell'area Nord.

Le proteste sono scattate dopo la decisione di chiudere fino al 23 ottobre prossimo le scuole, il cimitero e i negozi ad eccezione di quelli di generi di prima necessità. Sospese anche tutte le manifestazioni e gli eventi pubblici, il mercato settimanale, le attività sportive e dei centri anziani. "È tutto pacifico, noi non vogliamo fare nessuna guerra ma nessuno ci ascolta, nessuno ci considera, siamo un paese morto e dimenticato".

"O chiudi tutto o niente, non deve ricadere tutto solo su noi piccoli commercianti che viviamo di questo, protestiamo da stamattina e non è venuto nessuno, polizia, carabinieri, niente".

Un provvedimento inutile e discriminatorio, quindi, per i commercianti che fanno notare come, senza divieti sulla mobilità tra comuni, i cittadini si sposteranno comunque nei paesi limitrofi per gli acquisti con rischi maggiori per tutti.

"Noi accettiamo il lockdown, il paese in zona rossa, ma non è giusto che solo i commercianti devono stare chiusi quando il paese è aperto, si può entrare e uscire, contagiare altri ed essere contagiati; non è giusto, noi a fine mese dobbiamo pagare, non è giusto".

Si parla di

Video popolari

Covid, mini-lockdown ad Arzano: scatta protesta dei commercianti

Today è in caricamento