Lunedì, 8 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, mondo dello spettacolo in piazza: "Non siamo invisibili"

La protesta a piazza Montecitorio

Roma, 30 ott. (askanews) - C'è il mondo del teatro, quello della danza, quello del cinema, quello del circo, quello della musica. C'è il mondo dello spettacolo insomma, quello dimenticato o peggio invisibile, in rappresentanza di centinaia di migliaia di lavoratori che sono fermi, in seguito all'ultimo Dpmc. Una manifestazione a piazza Montecitorio, davanti al Palazzo che sta decidendo le misure per contrastare la curva del contagio da coronavirus. Decine e decine di migliaia di persone hanno manifestato con striscioni, cartelli. Senza arte non c'è vita, la cultura non va in lockdown.

In piazza tante le voci che si levano. Pochi i volti noti. Tra loro Ascanio Celestini: dobbiamo tenere aperti i teatri, perché chiudere adesso i teatri significa non riaprirli più, mentre i teatri sono un presidio di civiltà".

Si parla di

Video popolari

Covid, mondo dello spettacolo in piazza: "Non siamo invisibili"

Today è in caricamento