Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Parruti: saliva bambini se campionata bene è test migliore

"Fare tamponi con miglior metodo sul miglior campione possibile"

 

Roma, 11 set. (askanews) - Con la riaperture delle scuole aumentano i timori di nuovi contagi. Molte le perplessità tra docenti, dirigenti scolastici, pediatri e famiglie sulla gestione dei casi e sui test in caso di sospetti. Tamponi, frequenti, soprattutto per i bambini più piccoli spesso raffreddati, appaiono una metodica complessa.

Meglio il test sulla saliva, spiega il Professor Giustino Parruti, direttore dell'Unità operativa complessa di Malattie infettive dell'ospedale di Pescara e componente della task force della Regione sull'emergenza coronavirus: "Occorre che i tamponi siano fatti con il miglior metodo possibile sul miglior campione possibile. La saliva dei bambini è relativamente facile da raccogliere, anche lo 'sputino' per dire può andar bene. Ci sono studi interessanti che dicono che se un bambino è portatore probabilmente lo può essere con cariche elevate e se raccogliamo con un cotton-fioc o speculum della saliva del bambino, fare il test più appropriato con estrazione che ha alta resa potrebbe essere migliore senza dover fare il campione nasale sui bambini; la saliva di fatto è una fonte preziosissima che può essere più che sufficiente se campionata in abbondanza e processata con una metodica molto sensibile".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento