rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022

Covid, Rezza annuncia una "lenta decrescita" dei contagi

Dal 1 febbraio 5 Regioni arancioni tutte le altre gialle

Roma, 30 gen. (askanews) - "Lenta decrescita", è questa la parola d'ordine per tutti gli indicatori analizzati dalla cabina di regia Ministero Salute-Iss sulla situazione epidemiologica di Sars-cov-2 questa settimana. Scende lievemente l'incidenza del contagio m entre aumenta in modo significativo il numero dei tamponi effettuati, anche grazie all'introduzione dei test antigenici". Scende la mortalità e calano i ricoveri in ospedale e si allevia la pressione sulle terapie intensive, pur con situazioni di criticità in alcune regioni. A livello nazionale, l'indice di occupazione, al 28% ,resta di poco sotto il livello critico fissato al 30%.

A fare il punto Gianni Rezza, Direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute: "Questa settimana il numero di casi di Covid-19 nel nostro Paese tende leggermente a diminuire e l'incidenza che rimane ancora elevata si fissa intorno a 289 per 100mila abitanti. In leggera flessione anche l'Rt che è di 0,84 a livello nazionale. Per quanto riguarda l'occupazione dei posti in terapia intensiva vediamo una tendenza a una leggera diminuzione, siamo intorno a un indice di occupazione del 28%, di poco al di sotto della soglia critica. Questo miglioramento, anche se lieve, è la conseguenza delle misure che sono state prese nel corso dell'ultimo mese per cui bisogna continuare a mantenere dei comportamenti prudenti".

Intanto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, firma nuove ordinanze: dal 1 febbraio Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano sono in area arancione. Tutte le altre Regioni e Province Autonome in area gialla".

Si parla di

Video popolari

Covid, Rezza annuncia una "lenta decrescita" dei contagi

Today è in caricamento