Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Sudcorea: oltre 300 positivi dopo maxi-raduno in Chiesa

Oltre 3.400 fedeli in quarantena

 

Roma, 17 ago. (askanews) - Oltre 300 persone sono risultate positive dopo un maxi-raduno di migliaia di fedeli di una chiesa protestante a Seoul: ad annunciarlo sono state le autorità della Corea del Sud, dopo la comparsa di focolai di contagio da Covid-19 legati alle comunità religiose.

Finora, la Corea del Sud è riuscita a tenere sotto controllo l'epidemia di coronavirus attraverso una strategia molto ampia di test e tracciamento dei contatti dei contagiati, senza nemmeno imporre il lockdown. Durante il fine settimana, Seoul e la provincia circostante di Gyeonggi, quasi la metà della popolazione della Corea del Sud, hanno rafforzato le restrizioni e vietato le riunioni religiose dopo che sono emersi nuovi casi, facendo temere una seconda ondata dell'epidemia.

Il più grande focolaio di infezioni è nella chiesa di Sarang Jeil a Seoul, guidata da un controverso pastore conservatore che è anche una figura di spicco nelle proteste contro il presidente sudcoreano Moon Jae-in. Finora sono stati registrati 315 casi legati alla chiesa, hanno detto le autorità, e circa 3.400 membri di questa congregazione sono stati messi in quarantena.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento