Lunedì, 19 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, sviluppatrice App Immuni: accuse su privacy infondate

Lavorare per interoperatività App di paesi europei

Roma, 15 lug. (askanews) - Tecnologia e sicurezza, tutela della privacy, i "limiti" di Immuni e i progetti futuri. Daniela Ghironi, dipendente dell'azienda Bending Spoons, è a capo dell'area che ha sviluppato il codice per il server di Immuni, la App italiana scelta dal Ministero della Salute per tracciare gli spostamenti dei cittadini nella lotta al Covid-19.

Ad askanews racconta come è nata la App: "Abbiamo iniziato a svilupparla a metà marzo. Sicuramente nella prima parte era diversa dalla versione finale. Questo perché con il bando al ministero, abbiamo ricevuto tanti input e feedback da parte loro e anche i requisiti sono cambiati e di conseguenza la versione finale è stata abbastanza diversa da quella iniziale".

E sui limiti che presenta la App, come la necessità di avere un iPhone superiore al modello 6S, Ghironi spiega: "Il problema principale, è che la App Immuni, così come è, come le App di altri Paesi europei, utilizza una tecnologia che in realtà è scelta da Apple e Google. Sono loro a controllare su quali dispositivi viene messa a disposizione la tecnologia. È possibile che in futuro questa funzionalità venga rilasciata anche su un maggior numero di modelli, ma purtroppo questa è una decisione su cui noi sviluppatori non abbiamo alcun controllo".

Mentre sulla sicurezza e la tutela della privacy, la sviluppatrice tranquillizza: "Sicuramente alcune dichiarazioni che ci sono state all'inizio di questa App non hanno aiutato a far capire bene come in realtà funzioni. E di conseguenza tutte le accuse, in particolare relative alla privacy, sono abbastanza infondate. Un altro motivo per cui il numero dei download sia frenato nell'ultimo periodo è dovuto al fatto che ora abbiamo meno casi positivi e gli utenti sentono meno la necessità di adottare uno strumento di questo tipo". "Non viene tracciata la localizzazione, non c'è alcun dato che viene collezionato che possa ricollegare alla persona fisica, niente numero di telefono, nome e cognome. L'App non è assolutamente in grado di dire chi abbiamo incontrato o dove. Queste preoccupazioni non sono fondate".

Quali gli aspetti che si potrebbero migliorare rispetto alla attuale versione? "Una cosa importante su cui lavorare, so che è già previsto, sarebbe lavorare all'interoperatività con app di altri Paesi. Ovvero riuscire a notificare l'esposizione con un contatto positivo anche nel caso in cui sia avvenuto all'estero".

Si parla di

Video popolari

Covid, sviluppatrice App Immuni: accuse su privacy infondate

Today è in caricamento