Giovedì, 15 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Zaia: app sul tracciamento? Dovremo renderla obbligatoria

Il presidente del Veneto pensa al modello coreano

Marghera (Ve), 20 apr. (askanews) - In Veneto la futura app sul tracciamento dei contatti in vista della fase 2 dovrà essere obbligatoria, altrimenti non funzionerà, ha spiegato il presidente della Regione, Luca Zaia, nel consueto punto stampa alla Protezione Civile di Marghera (Ve). Per scaricarla - ha spiegato - servirà un indirizzo e-mail e il codice fiscale. Poi bisognerà portare il telefonino sempre in tasca (ad esempio se si entra in azienda) e il bluetooth dovrà essere sempre acceso.

"Se fosse il mio caso e avessi appunto una positività, accade che andando a vedere il mio bluetooth si vede quante persone sono arrivate a due metri da e me e ci sono state per un quarto d'ora, capite che abbiamo una ricerca di contatti che è eccezionale, è esattamente il modello coreano, è questo che vogliamo fare. É ovvio che in Corea non hanno avuto i problemi di privacy che qui in Italia abbiamo", ha ironizzato.

"L'adesione sarà volontaria fino a un certo punto - ha proseguito Zaia - nel senso che per un programma di sanità pubblica è necessario condividere. La quarantena non era volontaria, abbiamo fatto l'ordinanza, dovremo renderla obbligatoria, sennò non funziona, è condizione sine qua non per avere un controllo vero. È ovvio che i dati dei movimenti non ce li ha nessuno, sono tutti codici alfanumerici, non si vede se Zaia è stato qua, non funziona così", ha sottolineato.

Si parla di

Video popolari

Covid, Zaia: app sul tracciamento? Dovremo renderla obbligatoria

Today è in caricamento