Sabato, 5 Dicembre 2020

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dai Rockets a Parallel worlds svolta di Fabrice Pascal Quagliotti

Primo disco solista del leader della leggendaria band

Milano, 20 ott. (askanews) - All'inzio degli anni '80 i Rockets hanno cambiato il mondo della musica, con il loro look da alieni. Ora a 40 anni di distanza esce "Parallel worlds" il primo disco solista di Fabrice Pascal Quagliotti leader e tastierista della leggendaria band francese.

"Questo disco nasce un po' per caso, erano almeno 4-5 anni che avevo in testa di fare un progetto da solo, sei mesi prima del lockdown ho incontrato il mio amico e discografico e gli ho fatto ascoltare un po' di cose e lui e mi ha detto, fai un disco solista e strumentale, questo materiale è molto buono. Ho cominciato a comporre, poi è arrivato il lockdown e mi sono immerso 15 ore al giorno a comporre"

L'album vede la collaborazione in due brani del compositore e musicista Frederick Rousseau.

"Eravamo amici a scuola quando avevo 5 anni, siamo stati inseparabili, poi le nostre strade si sono divise. Anni dopo l'ho rincontrato a Parigi in un negozio di strumenti e io stavo con Rockets lui con Jean-Michel Jarre, ha poi lavorato con Vangelis, allora gli ho detto: sto scrivendo questo album, facciamo qualcosa insieme, perché non posso non farla".

Nell'album ci sono alcune sonorità che richiamano i Rockets, ma c'è anche molto di più.

"Noi eravamo rasati e argentati per dare un messaggio: per noi gli extraterresti sono così, con una musica, il rock elettronico, una immagine e uno show. Oggi come oggi dire che tutto è stato fatto è riduttivo e triste perché vuol dire che non si può più fare nulla".

Per Fabrice Pascal Quagliotti è impossibile pensare di vivere anche un solo giorno senza musica.

"Una tristezza unica, credo che il ruolo della musica è dare felicità, calore e sogni, perché la musica è sogno".

Si parla di

Video popolari

Dai Rockets a Parallel worlds svolta di Fabrice Pascal Quagliotti

Today è in caricamento