Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal 12 aprile Italia quasi tutta in arancione e Sardegna in rosso

Brusaferro: Rt in calo, ma in 2 regioni sopra 1,25, in 6 oltre 1

Roma, 9 apr. (askanews) - A partire da lunedì 12 aprile l'Italia si colorerà quasi tutta d'arancione. Passano infatti nella fascia media di rischio le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Toscana e anche la Lombardia, quest'ultima dopo praticamente un mese in rosso. Dopo il monitoraggio settimanale e l'ordinanza del ministro della Salute, passa invece in zona rossa la Regione Sardegna.

Restano rosse anche la Campania, la Valle d'Aosta e la Puglia, ancora in arancione le rimanenti Regioni (Abruzzo, Basilicata, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sicilia, Umbria, Veneto e le province di Trento e Bolzano).

Il livello di ricoveri in aree mediche e nelle terapie intensive si sta stabilizzando, ha annunciato il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, durante il consueto punto stampa della Cabina di Regia.

"Per quanto riguarda l'Rt è in decrescita a 0,92 sostanzialmente, però ci sono otto regioni che hanno un Rt puntuale maggiore di 1 e due (Sardegna e Valle d'Aosta) che hanno un Rt superiore a 1,25, quindi sono nello scenario di tipo 3 e sei regioni che hanno uno scenario di trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2, vuol dire che hanno il limite inferiore di Rt superiore o uguale a 1", ha spiegato Brusaferro.

Si parla di

Video popolari

Dal 12 aprile Italia quasi tutta in arancione e Sardegna in rosso

Today è in caricamento