Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla grafica alla pittura: i paesaggi campestri di Paul Cox

L'artista francese ha esposto alla libreria Corraini 121+ Milano

Milano, 15 feb. (askanews) - La pittura di un celebre grafico e illustratore. L'artista francese Paul Cox, noto per manifesti teatrali e scenografie, libri per ragazzi e campagne pubblicitarie ha portato nella libreria 121+ di Milano una serie dei propri dipinti di paesaggi che hanno dato vita alla mostra "Cammin Facendo".

"Non sono paesaggi immaginari, sono scenari reali - ha spiegato Cox ad askanews - luoghi nei quali cammino ogni giorno. Qualunque sia il lavoro che sto preparando, siano poster per il teatro oppure scenografie, quotidianamente mi prendo del tempo per disegnare la natura o quello che vedo, a volte sono paesaggi, a volte ritratti. Questa per me è una cosa molto importante perché questo lavoro sull'osservazione mi permette di trovare nuove ispirazioni, nuove forme, nuove combinazioni di colore".

I dipinti, che nascono a coppie, ma visti nel loro insieme prendono la forma di una vera e propria passeggiata alla Sebald attraverso i luoghi della pittura di Cox, sono semplici, ma magnetici e nascono da una serie di regole che l'artista impone al proprio lavoro di pittore. "Una delle cose di cui mi preoccupo dipingendo - ha aggiunto - è di mantenere un unico tipo di pennellata in tutta la serie. Ho usato sempre pennellate orizzontali, così, quando si guardano tutti i dipinti insieme le pennellate danno una sorta di visione di movimento complessivo".

Un altro limite che l'artista si impone è quelle di usare una palette di colori molto limitata, che non prevede le sfumature. Ma le regole non sono finite. "Scelgo sempre un colore dominante che non è preso dalla realtà, ma nasce da una sensazione mentale nel momento in cui ripenso al soggetto. Questo colore - ha concluso Paul Cox - è il background di tutto il dipinto. E' una cosa che mi diverte molto, perché le zone che lascio del colore dominante non sono necessariamente le immagini dello sfondo, a volte sono invece in primo piano e questo crea una tensione tra ciò che sta davanti e ciò che sta dietro".

Al netto delle varie limitazioni, quello che conta è ciò che si è visto sulle pareti della libreria Corraini, ossia pittura consapevole, presente, densa, pur nella apparente semplicità dei soggetti campestri scelti da Cox. Ma, si sa, raccontare qualcosa di semplice è spesso la cosa più difficile.

Si parla di

Video popolari

Dalla grafica alla pittura: i paesaggi campestri di Paul Cox

Today è in caricamento