Lunedì, 10 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

De Rita (Censis): come ho vissuto la pandemia? Me ne sono fregato

Per il presidente Istituto, 88 anni, la paura ora è sul vaccino

Roma, 23 apr. (askanews) - "In modo molto cinico 'me ne sono fregato', nel senso che non ho usato la mascherina, sono venuto in ufficio tutti i giorni, sia il precedente lockdown, sia l'attuale, ho continuato a viaggiare quando si poteva. Ho ritenuto che di fronte a una pandemia la reazione migliore fosse l'ordinarietà dei comportamenti. Se invece ti metti lì con la paura in agguato, non vuoi vedere nessuno, incontri una persona e passa dall'altra parte della strada, sei finito. Hai il diritto e dovere di dire a quella persona che sei andato a salutare e non è neppure scesa al portone perché ti saluta solo dal terrazzo o la finestra ti 'mandarla a morì ammazzato!'. Ci deve essere una sanità mentale, perché buona parte della pandemia ha una dimensione di paura profonda, non razionale, di paura sconosciuta. Io non l'ho avuta e quindi non so, ma conosco tante persone che l'hanno avuta: così il sociologo Giuseppe De Rita, 88 anni, tra i fondatori e attuale presidente del Censis, ai microfoni di askanews, ha raccontato come ha vissuto l'emergenza sanitaria, in occasione della presentazione del rapporto Italcomunications-Censis "Disinformazione e Fake news durante la pandemia: il ruolo delle agenzie di comunicazione".

"La dimensione personale è proprio quella di dire: se arriva arriva, se non arriva io continuo. Il brutto è stato che c'era la paura che se fosse arrivata sarebbe finito e morivi. Perché nessuno ci ha detto che si poteva curare, a parte qualcuno che ha parlato di monoclonali, come fatto con Johnson o Trump li rimpiamo di monoclonali, ma se arrivavo io... Quello è stato il punto più difficile, perché sembrava una malattia incurabile, perché se arrivava andavi in terapia intensiva e morivi là. Ora si è un po' allentata la tensione e quella paura non c'è più e cominciamo a ragionare, a parlare, cominciamo a vedere gente per strada e a dire 'facciamoci una passeggiata a Villa Ada', però non è ancora passata del tutto la paura e in parte si è trasferita sul vaccino. Il secondo vaccino ti viene il tremito, è la cultura orale che molto spesso (fa confusione), bisogna evitarla, solo l'informazione pubblica stabilita", ha suggerito il sociologo, che a luglio compirà 89 anni e ha già ricevuto - ha confidato - due dosi di Moderna.

Si parla di

Video popolari

De Rita (Censis): come ho vissuto la pandemia? Me ne sono fregato

Today è in caricamento