Domenica, 28 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diverso e lungo un anno, ma Internazionale a Ferrara ci sarà

Dal 3 ottobre un nuovo format per il festival della rivista

Milano, 28 set. (askanews) - Sarà diverso, ma ci sarà. Il festival Internazionale a Ferrara, appuntamento divenuto tradizionale per i lettori del settimanale diretto da Giovanni De Mauro, cambia formato dopo la pandemia, ma non rinuncia a portare i propri ospiti e le proprie storie di giornalismo nella città estense.

"L'edizione di quest'anno - ci ha spiegato il direttore - è nata dal tentativo di fare un festival che fosse al tempo stesso molto diverso da quello degli anni passati per ragioni logistiche, pratiche e organizzative; perché è molto diversa la situazione di quest'anno e al tempo stesso che non fosse sulla difensiva, che fosse un'edizione, come l'abbiamo definita, straordinaria".

Per questo da Internazionale hanno immaginato una versione del festival lunga un anno, da ottobre a maggio 2021, con appuntamenti della durata di un weekend a cadenza mensile. Sempre con Chiara Nielsen a guidare l'evento e il dichiarato intento di salvaguardarne lo spirito.

"Come testimoniano i due mondini che si tengono per mano, che saranno il logo di quest'anno - ci ha spiegato la vice direttrice della rivista - la cosa che volevamo preservare a tutti i costi era lo spirito di ritrovarsi insieme. Dopo i mesi di lockdown e poi anche quelli successivi, ci sembrava importante riannodare il dialogo con il pubblico, con i nostri ospiti e dire noi ci siamo, ci ritroviamo insieme e facciamo una festa insieme: lo spirito della festa e dell'incontro".

Uno spirito declinato in più momenti, ciascuno immaginato come una versione ridotta di quello, intenso e affollato, che il pubblico aveva imparato a conoscere da 15 anni.

"Un paio di incontri grossi - ha aggiunto De Mauro spiegando il format di ciascun weekend - tre o quattro presentazioni di libri, una mostra, documentari, workshop. Insomma una versione, per così dire, omeopatica del festival, però su sette mesi".

"Quello che conta - ha aggiunto Chiara Nielsen - è ricostruire un po' un'idea di comunità, proprio perché la comunità virtuale che vive nelle bolle ha i limiti che avevamo imparato a conoscere già prima, ma ancora di più durante il lockdown".

Primo appuntamento a Ferrara, quindi, per il 3-4 ottobre, quando si parlerà di Black Lives Matter e ambiente, di disuguaglianze e di carceri, di femminismo e, ovviamente di contagio.

Si parla di

Video popolari

Diverso e lungo un anno, ma Internazionale a Ferrara ci sarà

Today è in caricamento