Martedì, 3 Agosto 2021

Draghi avverte: l'economia riparte, ma la pandemia non è finita

Varianti pericolose, pronti a intervenire in caso di aggravamento

Roma, 1 lug. (askanews) - "A più di un anno dall'esplosione della crisi sanitaria, possiamo finalmente pensare al futuro con maggiore fiducia. La campagna di vaccinazione procede spedita, in Italia e in Europa. Dopo mesi di isolamento e lontananza, abbiamo ripreso gran parte delle nostre interazioni sociali". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, intervenendo all'accademia dei Lincei.

"L'economia e l'istruzione sono ripartite. Dobbiamo però essere realistici: la pandemia non è finita. Anche quando lo sarà, se lo sarà, avremo a lungo a che fare con le sue conseguenze. Una di queste è il debito", ha aggiunto.

"Dobbiamo fronteggiare l'emergere di nuove e pericolose varianti del virus. Rimaniamo pronti a intervenire con convinzione nel caso ci fosse un aggravarsi della pandemia tale da provocare danni all'economia del Paese", ha avvertito il presidente del Consiglio.

Si parla di

Video popolari

Draghi avverte: l'economia riparte, ma la pandemia non è finita

Today è in caricamento