Lunedì, 17 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Draghi: per il Sud divenire capaci di spendere fondi e farlo bene

Il premier intervenuto all'iniziativa della ministra Carfagna

Roma, 23 mar. (askanews) - "Le risorse di Next generation Eu si aggiungono ad ulteriori programmi europei e ai fondi per la coesione che mettono a disposizione altri 96 miliardi per il Sud nei prossimi anni. Ma abbiamo imparato che tante risorse non portano necessariamente alla ripartenza del Mezzogiorno, ci sono due problemi: uno nell'utilizzo dei fondi europei, l'altro nella capacità di completamento delle opere pubbliche": lo ha detto il premier Mario Draghi in apertura dei lavori della prima giornata di "Sud-Progetti per ripartire" l'iniziativa di ascolto e confronto promossa dal ministro Mara Carfagna.

"A fronte di 47,3 miliardi di euro programmati nel fondo per lo sviluppo e la coesione dal 2014 al 2020, alla fine dello scorso anno erano stati spesi poco più di 3 miliardi, il 6,7%. Nel 2017 sono state 647 le opere pubbliche avviate ma non completate, in oltre due terzi dei casi nemmeno arrivate a metà, il 70% di queste collocate al Sud, per un valore di 2 miliardi", ha ricordato Draghi.

Divenire capaci di spendere questi fondi e di farlo bene è obiettivo primario di questo l governo", ha concluso.

Si parla di

Video popolari

Draghi: per il Sud divenire capaci di spendere fondi e farlo bene

Today è in caricamento