Sabato, 8 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Effetto Covid: 900mila occupati in meno da febbraio 2020 (Istat)

Pil: -0,4% nel primo trimestre, -1,4% su anno

Roma, 30 apr. (askanews) - Nonostante timidi segnali di ripresa nel mercato del lavoro in marzo, con +34mila unità rispetto a febbraio, l'effetto Covid si fa sentire.

Rispetto a febbraio 2020, ultimo mese prima della pandemia, gli

occupati sono quasi 900 mila in meno e il tasso di occupazione è

più basso di 2 punti percentuali. Lo ha reso noto l'Istat che ha

diffuso i dati provvisori su occupati e disoccupati a marzo.

Nello stesso periodo, l occupazione è diminuita per tutti i

gruppi di popolazione, ma il calo risulta più marcato tra i

dipendenti a termine (-9,4%), gli autonomi (-6,6%) e i lavoratori più giovani (-6,5% tra gli under 35).

Sempre rispetto a febbraio 2020, nonostante il numero di

disoccupati risulti stabile, il tasso di disoccupazione aumenta

di 0,4 punti e il numero di inattivi è ancora superiore di oltre

650 mila unità, con il tasso di inattività più alto di 2 punti.

Quanto al Pil, secondo i dati preliminari diffusi dall'Istat, registra nel primo trimestre un calo dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,4% in termini tendenziali. Ma ci sono segnali di ripresa sulla crescita acquisita, cioè il valore di crescita che si raggiungerebbe a fine anno se i prossimi tre trimestri fossero pari a zero, che è dell'1,9%.

Si parla di

Video popolari

Effetto Covid: 900mila occupati in meno da febbraio 2020 (Istat)

Today è in caricamento