Sabato, 27 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elezioni 2020, proiezioni: oltre il 65% dei sì per il referendum

Regionali: exploit di Zaia in Veneto, Cd strappa le Marche al Cs

Milano, 21 set. (askanews) - Netta prevalenza dei sì, stando alle prime proiezioni alla chiusura dei seggi elettorali, per il referendum confermativo, senza quorum, sul taglio dei parlamentari, con oltre il 65% degli elettori che si è espresso a favore.

Per quanto riguarda le elezioni regionali, nelle 7 regioni in cui i cittadini erano chiamati alle urne, secondo i primi dati ci sarebbero 4 conferme (2 per parte tra centrosinistra e centrodestra, rispettivamente in Campania e Toscana e in Veneto e Liguria), un'alternanza a favore del centrodestra nelle Marche e un testa a testa in Puglia. In Val d'Aosta, regione a statuto speciale in cui si votava con un sistema diverso, il primo partito è la Lega.

Nello specifico: in Campania il candidato di centrosinistra Vincenzo De Luca è avanti con oltre il 50% dei consensi rispetto a Stefano Caldoro del centrodestra. In Toscana leggero vantaggio per Eugenio Giani del centrosinistra, tra il 43 e il 47% contro la leghista Susanna Ceccardi, tra 40 e il 44%.

In Liguria Giovanni Toti, del centrodestra, con una percentuale di preferenze comprese tra il 51 e il 55% precede Ferruccio Sansa, candidato del centrosinistra con M5s - unico esperimento di alleanza tra Pd e 5 stelle in queste amministrative - tra il 38 e il 42%.

Exploit di Luca Zaia in Veneto, con oltre il 70% delle preferenze contro il 16/20% di Arturo Lorenzoni, del centrosinistra.

Sorpresa nelle Marche dove, invece, si va verso un cambio di colore con il centrodestra che con il 47/51% di Francesco Acquaroli supera il candidato del centrosinistra Maurizio Mangialardi, accreditato di un consenso tra il 34 e il 38%.

Testa a testa, invece in Puglia tra Michele Emiliano del centrosinistra e Raffaele Fitto del centrodestra, entrambi tra il 39 e il 43%.

In Val d'Aosta la Lega è il primo partito con un consenso tra il 20 e il 24% e circa 3 punti di scarto sulla lista Progetto civico progressista (che comprende il Pd).

Si parla di

Video popolari

Elezioni 2020, proiezioni: oltre il 65% dei sì per il referendum

Today è in caricamento