Venerdì, 7 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Epicode, a chi si rivolge la scuola di formazione per developer

Nata per colmare gap tra domanda e offerta di specialisti

Roma, 5 mar. (askanews) - Una metodologia didattica innovativa, per formare gli sviluppatori del futuro di cui le aziende hanno bisogno e che faticano a reperire. Sono le linee guida di Epicode, un rivoluzionario corso online per lanciare sul mercato del lavoro specialisti in IT.

''Epicode - spiega Claudio Vaccaro, Co-Founder e Presidente - è una rivoluzionaria scuola di formazione, nata per colmare il gap tra domanda e offerta di specialisti ai siti in Italia. La nostra missione è quella di formare la nuova generazione di web devoloper e di portare in azienda le competenze digitali che servono".

Un progetto all'avanguardia, in grado di rendere competitivi i profili che puntano a collocarsi sul mercato del lavoro digital.

"Il progetto Epicode - afferma Marco Rosci, Co-Founder e CEO - nasce con l'obiettivo di generare un impatto reale sulle vite di tanti giovani, disoccupati e inoccupati, in cerca di un'opportunità professionale stabile, solida e soprattutto a prova di futuro. Proponiamo un modello formativo che abbiamo importato dagli Stati Uniti, che è quello del Bootcamp intensivo, 100% online e full time, quindi 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì, con un alto tasso di applicazione pratica delle competenze acquisite proprio per un approccio orientato al saper fare che possa preparare al meglio i ragazzi a inserirsi e spendersi da subito nel mondo del lavoro".

Non lasciare nessuno indietro è uno degli obiettivi che Epicode rivendica con maggior orgoglio.

"Tra i nostri iscritti che si connettono da tutta Italia, - aggiunge Marco Rosci - ben il 30 per cento è donna, il che per noi è un grande risultato perché facciamo dell'inclusività uno dei valori portanti della nostra scuola e vogliamo soprattutto sfatare il mito che il developer è uomo. Crediamo così tanto nell'efficacia del nostro modello che metà del costo del corso viene riconosciuto soltanto nel momento in cui inseriamo i ragazzi nel mondo del lavoro".

Si parla di

Video popolari

Epicode, a chi si rivolge la scuola di formazione per developer

Today è in caricamento