rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021

Ex Ilva, a Genova operai in corteo contro la cig per Covid

È prima manifestazione lavoratori da scoppio pandemia

Genova, 18 mag. (askanews) - "I lavoratori non sono una merce,

non siamo schiavi di Mittal". Scandendo questo e altri slogan a

Genova circa 500 operai dello stabilimento ex Ilva di Cornigliano

sono scesi in piazza questa mattina nonostante il divieto di

cortei previsto dal nuovo Dpcm. I lavoratori sono in sciopero da

venerdì scorso contro la decisione dell'azienda di prorogare e

allargare la cassa integrazione per il Covid-19. Da qui la prima

manifestazione dal lockdown. Il Segretario genovese della Fiom,

Bruno Manganaro

"Ne avremmo fatto anche a meno ma non sarà l'ultima. La crisi

morderà alle caviglie di tanti lavoratori mettendo in discussione

salari e posti di lavoro. Noi costretti dall'arroganza di Mittal

abbiamo deciso di farla oggi".

La Fiom Cgil di Genova ha annunciato l'intenzione di inviare un

esposto alla Procura contro Arcelor Mittal, "che - si legge in

una nota del sindacato - usa la cassa integrazione come arma di

ricatto verso il governo nella sua trattativa riservata.

Vi è - prosegue la nota della Fiom - un utilizzo illegittimo

dello strumento della cassa integrazione, avendo le prove che gli

ordini commerciali per lavorare esistono e che certificheremo

alla Procura".

Gli operai in corteo, che i sindacati hanno definito una

"passeggiata civile", hanno raggiunto la prefettura del capoluogo

ligure, dopo aver sfilato per le strade del ponente e del centro

cittadino partendo dai cancelli dello stabilimento. Il

coordinatore della rsu Arcelor Mittal di Genova, Armando Palombo:

"Ci siamo comportati con senso civico a differenza

dell'atteggiamento arrogante di Mittal", ha detto.

È in programma in prefettura un incontro tra azienda, sindacati

e istituzioni locali.

Si parla di

Video popolari

Ex Ilva, a Genova operai in corteo contro la cig per Covid

Today è in caricamento