Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La processione nelle farmacie: "Avete mascherine o gel disinfettanti?"

L'intervista di PadovaOggi ad un farmacista di piazza delle Erbe

 

Nel giro di due minuti entrano all'incirca 20 persone. E nonostante i cartelli affissi alle due porte scorrevoli d'ingresso avvisino puntualmente dell'avvenuto esaurimento dei prodotti la domanda è quasi sempre la stessa: "Avete le mascherine o i gel disinfettanti per le mani?". Scene diventate ormai di ordinaria amministrazione nella centralissima Farmacia All'Angelo, in piazza delle Erbe a Padova, così come in tutte le farmacie della città e della provincia.

A confermarlo è Giovanni Stefani, che spiega la situazione dando anche consigli molto utili: "Purtroppo mascherine e gel disinfettanti per le mani sono molto difficili da reperire al momento, ma si sta cominciando a muovere qualcosa tanto che già nel pomeriggio di martedì 25 febbraio dovrebbero arrivare delle scorte per consentire alle farmacie di rifornirsi".

"La richiesta è alta, anche se va ricordato che le mascherine vanno portate dalle persone malate per evitare il contagio alle persone sane e non viceversa. Per le persone sane la cosa più corretta da fare è lavarsi sempre e frequentemente le mani, usare spesso i gel disinfettanti e cercare possibilmente di evitare di recarsi in posti con alta concentrazione di persone oltre ad avere magari anche a casa un buon gel con della clorexidina per lavarsi sempre le mani. Un sacco di gente viene qui in farmacia a chiederci informazioni generali, ma ricordo che sono attivi i numeri verdi dedicati e che in caso di sintomi è sempre meglio chiamare il medico di base, il quale porrà delle domande per capire la gravità della situazione, o il numero di telefono 1500 evitando di recarsi in pronto soccorso per non creare blocchi alle normali attività ospedaliere". 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento