Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Femminicidio a Napoli: arrestato il marito, inscenò un suicidio

La donna ritrovata impiccata in casa il 12 luglio scorso

 

Napoli, 17 ago. (askanews) - Era stata ritrovata morta il 12 luglio nel salotto di casa, ma non si trattò di un suicidio come il marito aveva cercato di far credere. A Lago Patria nel Napoletano l'uomo è stato arrestato per l'omicidio della consorte. I dissidi fra Romana Danielova e Gennaro Di Falco sarebbero stati di natura economica. Il 12 luglio lui, 62 anni, aveva chiamato soccorso dicendo di aver trovato al risveglio la moglie impiccata con un cordino della tenda. Ricostruzione che da subito era apparsa inverosimile. Il capitano Andrea Coratza, comandante della compagnia dei carabinieri a Giugliano in Campania:

"Già la dinamica presentata dal marito che era l'unica persona ad essere in casa non ci aveva convinto. Il cordino della tenda alla quale la donna si sarebbe dovuta impiccare non avrebbe mai potuto reggere il peso di un corpo umano, e mancava di un nodo. L'autopsia ha confermato tutto ciò".

L'esame autoptico indica come causa della morte lo strangolamento preceduto da una colluttazione. L'uomo è anche indagato per lesioni gravi ad una dottoressa del 118 intervenuta sul luogo del delitto, colpevole secondo lui di non aver effettuato un TSO nei confronti della moglie quando lo aveva richiesto. De Falco è nel carcere di Poggioreale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento