Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foto di Navalny dal letto d'ospedale: "Respiro da solo"

Prima apparizione dalla Charité di Berlino con la famiglia

 

Berlino, 15 set. (askanews) - Sul profilo Instagram dell'oppositore russo Aleksey Navalny è stata pubblicata una foto dal letto dell'ospedale di Berlino, la clinica Charité, dove è ricoverato in seguito all'avvelenamento subito lo scorso 20 agosto. È il suo primo post da quando si è risvegliato dal coma.

"Ciao sono Navalny, mi mancate. Ancora non posso fare quasi niente, ma ieri sono riuscito a respirare tutto il giorno da solo. Davvero, solo con le mie forze. Senza il minimo aiuto, neppure la più semplice ventilazione in gola. Mi è molto piaciuto. È sorprendente quanto non si apprezzi del tutto questo processo. Raccomando di farlo", dice l'avvocato blogger nel post, a commento della foto che lo riprende assieme alla moglie Yulia a volto scoperto, sorridente, e ai figli Zakhar e Darya, che invece indossano la mascherina chirurgica.

Lunedì i medici della Charité di Berlino hanno reso noto che le condizioni dell'oppositore russo continuano a migliorare: respira autonomamente e può brevemente alzarsi dal letto.

Una volta terminate le terapie a cui viene sottoposto dopo l'avvelenamento con un agente tossico del gruppo Novichok, Navalny intende tornare in Russia per portare avanti la

sua missione. Il 44enne strenuo oppositore di Putin avrebbe rifiutato la richiesta di collaborazione con la Russia per un'indagine congiunta con la Germania sul tentato omicidio contro di lui il mese scorso in Siberia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento