Lunedì, 8 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Francia, bar e ristoranti chiusi a Marsiglia. Vertice Toti-Cirio

Nuove restrizioni per contenere contagi giornalieri da 14-16.000

Parigi, 28 set. (askanews) - Ultime consumazioni domenica sera (27 settembre) per gli avventori di bar e ristoranti di Marsiglia, che dovranno rimanere chiusi per almeno 7 giorni di "quarantena", in seguito a un forte aumento di contagi nell'area, dichiarata in stato di "massima allerta" assieme ad Aix-en-Provence.

Le nuove restrizioni annunciate dal ministro della salute francese Olivier Véran, che per sedare la rabbia locale ha promesso inoltre 15 milioni di euro agli ospedali di Marsiglia, scrive Le Monde, colpiscono anche altre città come Lione, dove bar e ristoranti dovranno chiudere alle 22.

Altra zona di allerta resta la regione di Parigi. Mentre nella capitale francese i residenti protestano per "le terrazze Covid", ovvero i dehors che, come in Italia, sono stati concessi ai proprietari di esercizi pubblici per poter riaprire in sicurezza.

Se qualcosa non cambia - ha denunciato il responsabile del consiglio nazionale dell'ordine dei medici francesi, Patrick Bouet, la Francia - con una media che va dai 14.000 ai 16.000 contagi giornalieri registrati la settimana scorsa - dovrà affrontare un'epidemia che travolgerà il suo sistema sanitario: "La seconda ondata sta arrivando più velocemente di quanto pensassimo", ha detto al settimanale Journal du Dimanche.

Il record di contagi giornalieri, oltre 16.000 (16.096) registrato il 24 settembre, è poi sceso a 15.797 annunciati venerdì 25 e poi 14.412 di sabato 26; domenica, probabilmente dovuto al conteggio del finesettimana, sono stati annunciati poco più di 11.000 (11.123) nuovi positivi.

E per gestire la situazione al confine transalpino è previsto un vertice telefonico tra i governatori di Liguria e Piemonte, Giovanni Toti e Alberto Cirio. Una strategia concertata tesa a contenere l'aumento dei contagi nelle rispettive regioni e da sottoporre al ministro della Salute Roberto Speranza.

"Agli amici spagnoli e agli amici francesi la massima solidarietà e vicinanza del popolo italiano. Come governo daremo il massimo aiuto e supporto", ha promesso da parte sua il ministro Luigi Di Maio.

Si parla di

Video popolari

Francia, bar e ristoranti chiusi a Marsiglia. Vertice Toti-Cirio

Today è in caricamento