Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gimbe: ecco la terza ondata, ma la campagna vaccinale non decolla

Vaccini in ritardo, nessuna nuova strategia nel DPCM di Draghi

Roma, 4 mar. (askanews) - Pessime notizie dalla Fondazione Gimbe sul monitoraggio dell'epidemia: si registra dal 24 febbraio al 2 marzo un aumento del 33% dei nuovi casi e la fondazione bolognese parla di una "vertiginosa accelerazione impressa dalle varianti", in piena terza ondata.

Aumentano dell'8% le terapie intensive e del 7% i ricoveri con sintomi. Sul fronte ospedaliero in 5 regioni i pazienti covid superano il 40% dei posti letto occupati, in 9 regioni superano il 30% dei posti in terapia intensiva. Per il presidente della Fondazione, Nina Cartabellotta: "gli amministratori locali continuano a ritardare le chiusure se non davanti a un rilevante incremento dei nuovi casi, quando ormai è troppo tardi".

Sul fronte Vaccini, le ditte autorizzate Pfizer, Moderna e Astrazeneca, sono in ritardo sulle forniture promesse nel primo trimestre: per ora solo la metà per Pfizer, un terzo per Moderna ed Astrazeneca: un totale di 6 milioni e mezzo di dosi invece dei 15 milioni e mezzo promessi. Per rispettare le scadenze, da qui a fine marzo dovrebbero arrivare altri 8 milioni di dosi.

Hanno ricevuto anche la seconda dose quasi un milione e mezzo di italiani, con grosse differenze da regione a regione; capofila la provincia autonoma di Bolzano con il 4,18% della popolazione, fanalino di coda l'Umbria con l'1,72%

La fondazione afferma anche che il nuovo DPCM, il primo dell'era Draghi, non segna affatto il cambio di passo auspicato: non c'è nessuna nuova strategia per contenere l'epidemia, nessuna nuova misura per uffici e negozi, e a pagare il conto più salato resta la scuola.

Si parla di

Video popolari

Gimbe: ecco la terza ondata, ma la campagna vaccinale non decolla

Today è in caricamento