Lunedì, 10 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giornata della Terra, Wwf: salviamo gli insetti impollinatori

Senza di loro addio a mele, zucchine, caffè e cioccolato

Milano, 22 apr. (askanews) - Cosa succederebbe se sparissero tutti gli insetti impollinatori? Non mangeremmo più molte varietà di frutta e verdura, addio a mele, pesche, ciliegie, fragole, zucchine, zucca, ma anche a cioccolato e caffè.

Nella Giornata della Terra il Wwf, che ha dato il via alla campagna #DoEatBetter, ricorda l'importanza per l'equilibrio della natura di api, bombi, vespe, farfalle, falene, coleotteri da cui dipende il 35% della produzione agricola mondiale, con un valore economico stimato ogni anno di oltre 153 miliardi di euro a livello globale e 22 miliardi di euro in Europa.

Delle circa 1.400 piante che nel mondo producono cibo e prodotti dell'industria, infatti, quasi l'80% richiede l'impollinazione, non solo da parte di api mellifere o solitarie, ma anche da vespe, farfalle, falene, coleotteri, uccelli, pipistrelli e non solo. In Italia, il servizio ecosistemico d'impollinazione contribuisce direttamente a circa il 12% del valore della produzione agricola di mele, pere e pesche.

A minacciare questa risorsa preziosa l'intensificazione delle coltivazione e l'aumento dell'uso dei pesticidi: più del 40% delle specie di impollinatori invertebrati rischia di scomparire.

Si parla di

Video popolari

Giornata della Terra, Wwf: salviamo gli insetti impollinatori

Today è in caricamento