Venerdì, 18 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Google multata per 100 mln di euro, abuso di posizione dominante

L'Antitrust: non rende disponibile su Android Auto l'app Enel X

Roma, 13 mag. (askanews) - Multa da oltre 100 milioni di euro da parte dell'Antitrust g alle società Alphabet, Google e Google Italy per abuso di posizione dominante sul mercato in violazione delle norme Ue. Attraverso il sistema operativo Android e l'app store Google Play - ha denunciato l'Autorità Garante della concorrenza e del mercato - Google detiene una posizione dominante che le consente di controllare l'accesso degli sviluppatori di app agli utenti finali e in Italia circa i tre quarti degli smartphone utilizzano Android.

Inoltre Google - ha sottolineato l'Antitrust - è un operatore di assoluto rilievo, a livello globale, nel contesto della cosiddetta economia digitale e possiede una forza finanziaria rilevantissima.

"Siamo rispettosamente in disaccordo con questa decisione e valuteremo i prossimi passi", ha risposto un portavoce di Google dopo la multa. L'Antitrust gli ha imposto di rendere disponibile su Android Auto l'app di Enel X sulle auto elettriche.

"La priorità numero uno di Android Auto è garantire che le app

possano essere usate in modo sicuro durante la guida - ha risposto il gigante del web - per questo abbiamo linee guida stringenti sulle tipologie di app supportate, sulla base degli standard regolamentari del settore e di test sulla distrazione al volante. Le applicazioni compatibili con Android Auto sono migliaia, e il nostro obiettivo è consentire ad ancora più sviluppatori di rendere le proprie app disponibili nel tempo".

Si parla di

Video popolari

Google multata per 100 mln di euro, abuso di posizione dominante

Today è in caricamento