Giovedì, 25 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il banchiere: lockdown? Soluzione nel 1916. Ora c'è il digitale

Parla Vincenzo Trani, il primo non russo vaccinato con Sputnik V

Milano, 13 nov. (askanews) - "Ci sono società chiuse che non possono operare. Ci sono città e regioni intere in lockdown. Questo non è qualcosa che può essere accettato. Il lockdown era una soluzione che veniva adoperata nel 1916, oggi siamo nel 2020 e le innovazioni vanno utilizzate". Così Vincenzo Trani, banchiere, presidente della Camera di Commercio italo-russa nonchè primo straniero a ricevere il vaccino russo Sputnik V contro il Covid 19. In questo caso l'innovazione è il vaccino, ma non soltanto quello in un momento storico come questo.

"Io credo - dice - che bisogna usare quella che è l'esperienza digitale che abbiamo sviluppato in questi mesi. Sembra che tutto si limiti alle video conferenze, ma nella realtà non è così. Interi Paesi hanno gestito l'emergenza grazie alla digitalizzazione".

Permessi digitali, sistemi di tracciamento, controllo degli spostamenti attraverso il telefono cellulare, abbonamenti ai mezzi pubblici sospesi su alcune fasce a rischio e tante tante altre misure. Tutte tecnologie sviluppate già a marzo e poi impiegate in maniera differente nei vari Paesi. "Questo tipo di esperienza digitale è molto diversa da quella che è la app Immuni, che conosciamo in Italia. È un'esperienza molto più digitalizzata".

Trani suggerisce che questi sistemi dovrebbero essere presi in considerazione, più della classica quarantena anche in Italia. "Anche perché - aggiunge - la quarantena sembra essere piuttosto dannosa, non solo dal punto di vista economico ma anche da quello personale, per quello che è l'aspetto psicologico delle persone. Aiutarli con la tecnologia adeguata credo che sia molto importante".

Si parla di

Video popolari

Il banchiere: lockdown? Soluzione nel 1916. Ora c'è il digitale

Today è in caricamento