Martedì, 13 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Covid-19 mette in ginocchio zoo e acquari d'Italia

Il settore protesta: gli animali non vanno in cassa integrazione

Roma, 20 apr. (askanews) - Fra gli altri settori dell'economia messi in ginocchio dal Covid-19 ci sono gli acquari e gli zoo d'Italia; dall'acquario di Genova al Bioparco di Roma allo Zoom di Torino, ora tutti a porte chiuse proprio mentre parte la stagione; tutti sottoposti a una legge rigida, ricorda il biologo Cesare Avesani, da trent'anni direttore scientifico del Parco Natura Viva di Verona:

"Svolgiamo un'attività di pubblico interesse riconosciuta dalle autorità e prevista dalla legge. Rispondiamo a una licenza che ci viene concessa solo se i requisiti di attività di conservazione, ricerca scientifica, educazione e formazione vengono messi in atto".

Requisiti verificati ogni anno da ispezioni ministeriali. Ma soprattutto, zoo e acquari d'Italia oltre alla didattica e alla formazione di biologi, zoologi e veterinari specializzati, accolgono animali sequestrati e lavorano per la conservazione di specie a rischio, sottolinea Gloria Svampa, la presidente onoraria dell'Uiza, unione italiana zoo e acquari che raccoglie quasi una ventina di realtà: "Nel caso italiano, gli zoo sono al 99% imprese private che danno un grandissimo contributo pubblico, perché contribuiscono all'educazione ambientale collaborando con le famiglie e la società, ma perché finanziano ricerche e conservazione sul campo di specie minacciate di estinzione".

Per esempio - ma è solo un esempio - a Verona si segue fra mille cure, anche per evitare l'imprintig, la cova e l'allevamento dei gipeti, avvoltoi che depongono solo un uovo l'anno e che, una volta cresciuti, ripopolano i parchi d'Europa.

Insomma non è un'industria turistica qualsiasi, ma per ora il ministero dell'Ambiente suggerisce di rivolgersi al Cura Italia, cioé ai prestiti bancari. Il problema però è che le spese di gestione dei parchi sono elevatissime anche a porte chiuse.

"Cerchiamo di fare fronte" ribadisce Avesani; "il problema è che non si può fare fronte a tempo indeterminato. Un parco come quello che dirigo ha anche la manutenzione dei boschi, che sono il contenitore verde degli animali, e poi tutti i servizi che diamo ai visitatori. Gli animali non vanno in cassa integrazione, hanno esigenze che si mantengono intatte al di là dell'apertura o chiusura al pubblico".

La richiesta quindi del settore è di un aiuto specifico, e di una riapertura il prima possibile, per recuperare almeno una parte dell'estate, naturalmente mantenendo le distanze di sicurezza per i visitatori.

Si parla di

Video popolari

Il Covid-19 mette in ginocchio zoo e acquari d'Italia

Today è in caricamento