Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Covid non ferma "Il Jazz italiano per le Terre del sisma"

29 agosto Camerino, poi Marcia solidale e 5-6 settembre L'Aquila

 

Roma, 1 ago. (askanews) - Il Covid non ferma gli organizzatori de "Il Jazz italiano per le terre del sisma", i quali hanno deciso di realizzare, anche nel 2020, l'iniziativa nata nel 2015 con il sostegno del Mibact. Con tutte le accortezze richieste dalle nuove misure anti-contagio, il progetto prenderà il via il 29 agosto a Camerino (MC) con un evento musicale per poi dare inizio alla seconda edizione della Marcia solidale - una settimana di concerti e trekking nelle 4 regioni coinvolte, Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria - e poi la conclusione, come da tradizione, all'Aquila, nel centro storico, con due giornate piene di grandi concerti, il 5 e 6 settembre.

"L'edizione del 2020 sarà sicuramente diversa dalle precedenti ma sarà sempre una grande festa popolare di grande qualità e di grande gioia", ha affermato il ministro per i Beni culturali e appassionato di jazz, Dario Franceschini durante la presentazione della rassegna divenuta appuntamento annuale.

Per l'edizione 2020 confermata l'organizzazione della Federazione Nazionale "Il Jazz Italiano" - con il coordinamento operativo della Associazione I-Jazz - insieme a Mibact, il Comune dell'Aquila-Progetto Restart, NuovoIMAIE e Main Sponsor SIAE-Società Italiana degli Autori ed Editori. Il presidente Siae Giulio Rapetti Mogol:

"L'ha sostenuto già nel 2015, quando c'è stato il Festival italiano del Jazz per l'Aquila, e la sosterrà anche adesso con 300.000 euro, questo è quanto il festival, il jazz sta aumentando di consensi, questo ci rallegra molto".

Nonostante le restrizioni, duecento i musicisti coinvolti, 10 palchi, l'hashtag #Jazz4Italy. Il trombettista e presidente della Federazione nazionale "Il Jazz italiano", Paolo Fresu, che ha consegnato quest'anno lo scettro di direttore artistico ad Ada Montellanico, Simone Graziano e Luciano Linzi, ricorda:

"Crediamo in particolare che quest'anno sia importante esserci, rispettando le regole e raccontando ancora una volta il jazz italiano che è ricchissimo e allo stesso tempo dando valore ai nostri territori anche quelli delle città colpite, dove ormai siamo di casa e dove vogliamo continuarea essere di casa".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento