Giovedì, 6 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il mito Laguiole: i coltelli francesi chiedono una sigla DOC

Il paese si batte per una certificazione ufficiale di qualità

Roma, 10 mar. (askanews) - Sono una istituzione in Francia e celebri in tutto il mondo: i coltelli Laguiole, cittadina dell'Aveyron specializzata nella produzione di questi splendori in acciaio e osso decorati con la classica ape. Oggi spesso battuti sul mercato dalle imitazioni che vengono dall'Asia.

Una lavorazione lunga e artigianale per preparare la lama, generazioni di fabbri come Franck Calvier:

"Lavoriamo secondo l'ispirazione e secondo le ordinazioni che abbiamo, ma l'acciaio fa un po' quello che vuole e dipende da come è lavorato. La lama non è mai la stessa".

E generazioni di altri operai come i montatori. Clarinda Pestana: "Mi sono innamorata dei coltelli. Da quanddo ho cominciato, e mi sono appassionata, è bellissimo vedere il prodotto finito, e mi piace ogni giorno come il primo giorno".

Laguiole e il suo sindacato dei fabbricanti però ora chiedono tutele allo Stato e una certificazione di origine controllata. Honoré Durand è il presidente del sindacato: "I consumatori mettono in rapporto la qualità della nostra vita qui con la qualità dei coltelli. Quando vedono prodotti scarsi, pensano che stiamo esternalizzando la produzione in Cina, e questo è del tutto falso".

A Laguiole, contano sulla tendenza a proteggere i prodotti del territorio, così forte in Francia, per avere finalmente un certificato di qualità.

Si parla di

Video popolari

Il mito Laguiole: i coltelli francesi chiedono una sigla DOC

Today è in caricamento