Domenica, 28 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nuovo Ep di Marco Di Noia, special guest due musicisti robot

Disponibile in streaming "La sovranità dei robot"

Milano, 22 ott. (askanews) - Ha pubblicato il primo sotto forma di App e si è esibito nei primi concerti in3d audio. Poi il disco su Leonardo da Vinci, con gli strumenti musicali ideati dal genio italiano. Ora presenta l'ultima innovativa opera: un Ep realizzato con due robot tra i più famosi al mondo: Icub, il simbolo dell'istituto italiano di tecnologia e il virtuoso robot pianista Teotronico. Marco Di Noia, ingegnoso cantautore sperimentale, torna con la "Sovranità dei robot", disponibile in streaming e su digital store.

Il cantautore milanese oltre ai robot, si avvale anche della bravura dei musicisti, Alberto Cutolo e Ace of lover. Con chi si è trovato meglio.

"Beh forse da un certo di vista con i robot perché non sbagliano, sono perfetti. Però dal punto di vista del cuore, della passione e della creatività, direi assolutamente Ace of lovers e Alberto Cutolo".

Al centro del disco personaggi del cinema e della fantascienza.

"E' un po' il mio stile quello di rimpastare personaggi storici e della letteratura, in questo caso del cinema e contestualizzarli nei giorni nostri. In questo album si parla di Anakin Skywalker, che è Dart Fener di Star Wars, dei replicanti di Blade Runner, degli androidi di Westworld e di Isaac Asimov che quest'anno avrebbe compiuto cento anni".

Con "La sovranità dei robot" Marco Di Noia vuole dare un messaggio.

"Il messaggio è che in un'epoca particolare come quella che stiamo vivendo, il considerare l'intelligenza artificiale, quindi con le statistiche, le percentuali, le analisi fatte dai cervelloni computerizzati, anche per l'amministrazione pubblica e politica potrebbe essere una strada percorribile".

Prima un album in 3d, poi un album con gli strumenti ideati da Leonardo. Adesso uno con i robot. Marco si conferma visionario e anche un po' folle.

"Eh si, c'è un po' di follia ammetto che c'è. Diciamo che è un po' più una lucida follia. Diciamo che io mi reputo un esploratore che ha scelto la musica come compagna di viaggio in questa esplorazione del mondo".

Si parla di

Video popolari

Il nuovo Ep di Marco Di Noia, special guest due musicisti robot

Today è in caricamento