rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024

Il tempo e la densità: la lezione che perdura di Bill Viola

Una mostra a Palazzo Reale a Milano sul grande videoartista

Milano, 23 feb. (askanews) - C'è il senso del tempo, la densità di una consapevolezza della storia dell'arte, ma anche una semplice passione per la costruzione di un'immagine in vista del suo manifestarsi. Il lavoro di Bill Viola, uno dei primi a usare il video in maniera sistematica per la propria arte, continua ad avere fascino e a parlare al pubblico di temi universali resi accessibili. Lo fa anche nella mostra che gli dedica Palazzo Reale a Milano, curata da Kira Perov in collaborazione, per il catalogo, con Valentino Catricalà.

"Bill Viola - ha detto quest'ultimo ad askanews - si forma all'interno del mondo della videoarte, ma poi instaura rapporti con tantissimi artisti, quindi troviamo tante influenze diverse. La mostra qui vuole rappresentare soprattutto il periodo di Bill Viola detto della 'svolta', dagli anni Novanta in poi".

Lavori che citano la grande pittura e la grande scultura del passato, dalle pietà ai dipinti del realismo francese, ma che sono anche una riflessione sulle pratiche performative del contemporaneo - viene in mente una leggenda come Joan Jonas - che ruotano intorno al corpo, al suo muoversi e al suo essere poi filmato. In un tempo, il nostro, che riceve stimoli visuali in continuazione.

"Oggi noi viviamo in un mondo carico di immagini e di tecnologia - ha aggiunto Catricalà - Bill Viola ha sempre aperto riflessioni sull'animo umano, ma sempre utilizzando tecnologia. Pe lui il medium con cui lavorare è fondamentale e la sua è sempre un'analisi sulla contemporaneità tecnologica, che deve essere sempre più etica e sostenibile".

Nato nel 1951, Viola coltiva nei sui video una ricerca di essenzialità, che diventa spirituale, incentrata spesso sugli elementi primordiali del nostro mondo. E allarga, con semplicità anche verso il grande pubblico, il messaggio dell'arte contemporanea. Operazione che anche il Comune di Milano e l'assessore alla Cultura Tommaso Sacchi stanno portando avanti.

"L'abbiamo fatto all'interno della Art Week - ci ha spiegato l'assessore - anche per qualificare sempre di più un palinsesto che sta diventando un momento diffuso di arte contemporanea, a partire da miart, quindi il mondo della gallerie e del commercio, che però si estende poi a un vero e proprio palinsesto culturale, e la mostra di Bill Viola è uno degli appuntamenti centrali".

Che siano acqua o fuoco, vita o morte, corpi o immortalità, guardare Bill Viola resta interessante per capire un momento nel quale le immagini in movimento - qui spesso lento - hanno conquistato un posto stabile sulla scena dell'arte. Da lì si è fatta molta strada, ma il merito di essere stato tra i pochi ad avere aperto questa via è indiscutibile.

Si parla di

Video popolari

Il tempo e la densità: la lezione che perdura di Bill Viola

Today è in caricamento