Mercoledì, 23 Giugno 2021

Il toccante monologo di Valeria Solarino sull'identità di genere

Testo di Veronesi: "Sono maschio, femmina, sono tutto, lo sa Dio"

Roma, 24 mag. (askanews) - Il toccante monologo interpretato da Valeria Solarino sull'identità di genere in chiusura dell undicesima edizione del "WeWorld Festival" dedicata agli stereotipi, ai diritti e all'empowerment femminile.

L'attrice, pronta a tornare a teatro con il nuovo spettacolo "Gerico Innocenza Rosa", in cui si affrontano proprio queste tematiche, rivendica nel testo scritto da Giovanni Veronesi la libertà dell'essere umano di essere ciò che è: "Sono maschio e sono femmina, sono uomo e sono donna. Sono tutto, sono io. A mia immagine e somiglianza. Sono fatta di sangue, vene, budelle e carne. Sono l'ultimo dei Mohicani e il penultimo in alto a destra. Sono una partigiana, una staffetta, sono in guerra anche io con il mondo, solo che al posto del fucile porto un sacco di notizie nuove. Sono donna io, sono uomo e lo sa Dio. Che volete da me? Sono due in uno anzi, uno in due. Un essere umano solo in due persone complete e felici. Sono tutto, sono Dio".

Si parla di

Video popolari

Il toccante monologo di Valeria Solarino sull'identità di genere

Today è in caricamento