Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Brasile al via test sull'uomo del vaccino cinese anti Covid-19

Il "CoronaVac" somministrato a centinaia di volontari

 

Roma, 22 lug. (askanews) - Dopo le notizie confortanti sul vaccino di Oxford contro il coronavirus che sembra attivare una risposta immunitaria nelle persone a cui è stato somministrato, in Brasile è entrato nella fase finale di test un altro vaccino, sviluppato dalla Cina.

Nello Stato di San Paolo centinaia di volontari hanno ricevuto le prime dosi di quello che è stato ribattezzato il "CoronaVac", della società farmaceutica privata cinese Sinovac Biotech; è il terzo al mondo a entrare nella Fase 3 di sperimentazione clinica, con test su larga scala sull'uomo, ultimo passo prima della definitiva approvazione, dopo quello di Oxford prodotto da AstraZeneca, con cui l'Italia e altri paesi europei hanno firmato un accordo di distribuzione, e quello sviluppato dall azienda americana Moderna.

Lo studio prevede che centinaia di operatori sanitari in sei stati brasiliani si facciano iniettare il vaccino in due dosi nei prossimi tre mesi. I primi risultati sono attesi entro 90 giorni.

Il Brasile è il secondo paese al mondo più colpito dalla pandemia di coronavirus, dopo gli Stati Uniti, con oltre 80.000 morti e 2,1 milioni di contagiati. Il virus ha colpito anche il presidente Jair Bolsonaro che lo aveva sempre sminuito, non incoraggiando comportamenti responsabili e di prevenzione. Ma proprio perché il Covid si sta ancora diffondendo così rapidamente nel Paese, il Brasile è considerato un banco di prova ideale per i candidati al vaccino.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento