Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Francia la protesta dei ristoratori ribelli: fateci riaprire

A Parigi chiusi 24 locali aperti clandestinamente

Milano, 1 feb. (askanews) - Una protesta simbolica in un piccolo paese della Borgogna ha riacceso i riflettori anche in Francia sulla crisi del settore della ristorazione.

Stephane Turillon, proprietario del "La Source Bleue", a Cusace, paesino di 69 abitanti, aveva annunciato la riapertura nonostante i divieti per le restrizioni anti-Covid, annunciando un pranzo per mille persone. Un atto di "disobbedienza civile" lo aveva definito. Alla sua protesta si sono unita circa 150 persone che si sono presentate al ristorante insieme a molti giornalisti francesi e alla polizia. Di fronte però al rischio di multa e chiusura, il ristoratore ha preferito servire solo d'asporto, trasformando il pranzo in una marcia per la riapertura.

"Vogliamo aprire un dialogo col governo - ha detto Turillon -perché non si piuò combattere questa pandemia chiudendo tutto".

I casi di riaperture clandestine o per protesta si stanno ripetendo in tutto il Paese. Sabato a Parigi la polizia ha scoperto, e fatto chiudere, 24 ristoranti aperti al pubblico nonostante i divieti. Iniziative del genere sono state organizzate anche in Italia, ma la partecipazione è stata inferiore alle aspettative.

Si parla di

Video popolari

In Francia la protesta dei ristoratori ribelli: fateci riaprire

Today è in caricamento