rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022

In India Mumbai affronta il suo primo ciclone dopo 70 anni

Nuovo lockdown per limitare i danni, uffici e fabbriche chiusi

Milano, 3 giu. (askanews) - In India Mumbai affronta il suo primo ciclone dopo 70 anni. L'arrivo di Nisarga, con raffiche fino a 120 km orari, ha fatto scattare un piano d'emergenza: 100mila persone sono state allontanate dalle loro abitazioni in tutto lo stato del Maharashtra, di cui Mumbai è la capitale. Nella città da 18 milioni di abitanti, che non veniva colpita da un ciclone dal 1948, sono state imposte nuove restrizioni: divieto di uscire di casa, chiusi uffici, scuole e fabbriche. Un nuovo lockdown mentre lo Stato faticosamente cercava di uscire dall'emergenza coronavirus. Dall'inizio della pandemia si sono ammalate 207mila persone, i morti sono 5.800. Nelle ultime 24 ore c'è stato un record di nuovi contagiati, oltre 8mila.

Situazione ora ulteriormente complicata dal ciclone e dalla stagione dei monsoni in generale. Si contano già case distrutte nei villaggi sulla costa, linee elettriche saltate; fra gli sfollati ci sono da sistemare anche centinaia di contagiati e l'assembramento di persone in fuga dalle coste nei rifugi è pericoloso.

Si parla di

Video popolari

In India Mumbai affronta il suo primo ciclone dopo 70 anni

Today è in caricamento