Martedì, 15 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Olanda una sentenza storica contro Shell che può far scuola

Il giudice: stop emissioni 45% entro 2030. Ambientalisti in festa

Milano, 26 mag. (askanews) - I gruppi ambientalisti sono in festa per la sentenza storica emessa in Olanda contro Shell. Un tribunale dell'Aia ha infatti ordinato al

colosso petrolifero anglo-olandese Royal Dutch Shell di ridurre

le sue emissioni di anidride carbonica del 45%, rispetto ai

livelli 2019, entro il 2030. Si tratta di una riduzione molto

superiore all'obiettivo che il gruppo si è dato di un taglio del

20% entro quell'anno e in linea invece con gli obiettivi dell'accordo di Parigi sul clima.

Il tribunale olandese ha emesso la sua sentenza,

immediatamente esecutiva, a seguito di un ricorso presentato ad

aprile 2019 da sette sigle di attivisti ambientali, tra cui gli

Amici della Terra e Greenpeace, per conto di 17.200 cittadini

olandese.

L'accordo globale, firmato a Parigi nel 2015, prevede che Paesi e aziende

mettano in atto strategie per limitare il riscaldamento globale a

due gradi centigradi a fine secolo.

All'assemblea di Shell la

scorsa settimana gli azionisti hanno approvato a grande

maggioranza gli obiettivi di transizione energetica della

compagnia, ma una crescente minoranza li ha respinti, sostenendo

che l'azienda deve fare di più per combattere il cambiamento

climatico.

I gruppi ambientalisti hanno esultato fuori dal tribunale dove è stata emessa la sentenza. "Questa è una giornata storica. E' la prima volta nella storia che un giudice ha deciso che una azienda inquinante, Shell, debba cessare di provocare cambiamenti climatici pericolosi. Questo avrà un enorme impatto, non solo su Shell, ma sui principali player inquinanti in Olanda e nel mondo", ha spiegato Donald Pols, direttore di Milieudefensie.

"Questa è la prima volta che a una multinazionale è ordinato di ridurre le emissioni a livello internazionale, quindi in 80 paesii. Le emissioni di Shell sono molte di più di quelle della società olandese. Questo è molto importante", ha dichiarato Roger Cox, legale del gruppo ambientalista olandese.

Si parla di

Video popolari

In Olanda una sentenza storica contro Shell che può far scuola

Today è in caricamento