Mercoledì, 3 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intesa Sanpaolo: terza fase del progetto per i bimbi lungodegenti

Elena Jacobs presenta l'iniziativa We-Connected!

Milano, 22 dic. (askanews) - Intesa Sanpaolo conferma il proprio impegno per il sostegno ai bambini lungodegenti e lancia un nuovo progetto per i piccoli ricoverati e le loro famiglie, in questo caso in collaborazione con la Fondazione Gaslini. Ne abbiamo parlato con Elena Jacobs, responsabile Valorizzazione del Sociale e Rapporti con le Università del gruppo bancario.

"L'ultimo tassello del grande puzzle che stiamo costruendo per il progetto Una casa per la mia famiglia - ha spiegato ad askanews - è We-Connected!, realizzato da Intesa Sanpaolo insieme a Intesa Sanpaolo Vita. Ha l'obiettivo di fare sentire meno soli e dare un sopporto informatico e di rete a quelle famiglie e a quei bambini che sono in cura nelle case di accoglienza famiglia, perché anche in questa pandemia possano connettersi, possano studiare e fare i loro compiti".

Il supporto tecnologico arriva dopo altri due progetti che la banca ha attivato intorno ai centri dove sono ricoverati i piccoli malati: il primo dedicato ai bimbi da zero a 36 mesi. "Intesa Sanpaolo - ha aggiunto Jacobs - nel 2016 lancia per la prima volta il programma educativo per i bambini lungodegenti il cui obiettivo è proprio l'apertura di asili nido presso sei ospedali italiani d'eccellenza per i reparti di oncologia pediatrica".

La necessità di curare i bambini, poi, porta anche le famiglie a dover sostenere una sorta di pendolarismo sanitario, impegnativo e spesso molto costoso. Per questo Intesa Sanpaolo ha attivato collaborazioni con diverse organizzazioni no profit che da anni lavorano insieme alle famiglie.

"Ogni anno - ha spiegato la responsabile della banca - un milione e trecentomila persone lasciano le loro abitazioni e i loro affetti per migrare in una città vicina a un centro di accoglienza medica d'eccellenza. Anche quest'anno abbiamo rinforzato la nostra capacità di collaborazione e questo progetto oggi ci consente di ospitare 650 tra bambini e familiari, quindi è un network importante perché non sono posti letto, ma sono delle mini case per queste famiglie".

Tre progetti, quindi, che delineano uno degli ambiti n cui Intesa Sanpaolo declina la propria visione in relazione alla società. "E' una dimensione per la nostra banca - ha concluso Elena Jacobs - assolutamente prioritaria che ha a che fare con il piano industriale 2018-2021, ma che ha sempre più un valore pregnante in quello che è l'operato della nostra azienda".

Partendo da un motto che è anche programmatico: "Chi ben comincia... non finisce mai". Soprattutto per quanto riguarda il tema della solidarietà.

Si parla di

Video popolari

Intesa Sanpaolo: terza fase del progetto per i bimbi lungodegenti

Today è in caricamento