Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Iran su arricchimento uranio: rispondiamo a "terrorismo" Israele

Il presidente iraniano Hassan Rohani replica minaccioso

Milano, 14 apr. (askanews) - La decisione annunciata dall'Iran di arricchire l'uranio fino al 60% dopo un'esplosione nel suo impianto di Natanz è la "risposta" secondo la Repubblica islamica al "terrorismo nucleare" di Israele.

Il presidente iraniano Hassan Rohani ha dichiarato minaccioso:

"Non puoi cospirare contro l'Iran, commettere crimini a Natanz. Per ogni crimine, ti taglieremo le mani. Colpiremo entrambe le mani, una con l'IR-6 e l'altra con il 60%. Naturalmente non resteremo inattivi".

Secondo il New York Times, gli israeliani sarebbero stati coinvolti nell'operazione, che è stata effettuata con l'ausilio di una bomba "giunta di contrabbando" all'interno della fabbrica e attivata a distanza.

L'esplosione di Natanz è avvenuta durante i negoziati a Vienna per cercare di salvare l'accordo nucleare iraniano internazionale raggiunto nella capitale austriaca nel 2015, di cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è stato un convinto oppositore sin dal primo giorno.

L'arricchimento del 60% segnerebbe un ulteriore e senza precedenti passo nella violazione degli impegni presi dall'Iran in base all'accordo di Vienna.

Si parla di

Video popolari

Iran su arricchimento uranio: rispondiamo a "terrorismo" Israele

Today è in caricamento