Lunedì, 8 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Alligatore in tv. La serie di Vicari ricrea mondo di Carlotto

4 serate su Rai2 dal 25 novembre. Anteprima Rai Play dal 18

Roma, 17 nov. (askanews) - Era una sfida complicata quella di trasformare i libri di Massimo Carlotto in immagini, Daniele Vicari è riuscito a restituire le atmosfere, i toni, la forza dei personaggi dei suoi romanzi nella serie tv "L'alligatore", in onda in 4 serate su Rai2 dal 25 novembre e in anteprima su Rai Play da mercoledì 18. Vicari è supervisore artistico della serie, diretta da lui e da Emanuele Scaringi.

Il protagonista, ex cantante blues detto l'Alligatore, è interpretato da Matteo Martari. Dopo sette anni di carcere a cui è stato ingiustamente condannato l'Alligatore torna nel suo mondo fatto di nebbia, musica, bevute e amicizia. Diventa un investigatore sui generis con l'aiuto di Rossini (interpretato da Thomas Trabacchi) e Max (interpretato da Gianluca Gobbi), rispettivamente un pistolero edonista e un ambientalista pacifista. E non perde la speranza di riconquistare la sua Greta, interpretata da Valeria Solarino.

"I racconti dell'Alligatore sono caratterizzati da un incrocio continuo di tutti i generi, dal western all'hard boiled, tutto quello che c'è in mezzo ce lo possiamo mettere. La cosa che abbiamo tentato di fare è raccontare nella maniera più coerente possibile, e anche più divertente possibile, il mondo assolutamente fantastico, straordinario e contraddittorio di Massimo Carlotto".

L'Alligatore e i suoi compagni sono infatti pieni di contraddizioni e si muovono in un mondo in cui il vero e il falso, il bene e il male, il bello e il brutto, si confondono. Un mondo immerso in un nord est piovoso, umido, che galleggia a filo d'acqua. Attraverso la fotografia, le scenografie, i costumi, la musica, Vicari ricrea una sorta di "Louisiana triste", come la definisce lui, in cui i personaggi di Carlotto "galleggiano".

"Sono dei personaggi secondo me straordinari perché hanno questa unicità: sono persone senza nessuna prospettiva, ma in base a questa loro condizione mettono in crisi il mondo che hanno intorno".

Si parla di

Video popolari

L'Alligatore in tv. La serie di Vicari ricrea mondo di Carlotto

Today è in caricamento