Domenica, 24 Ottobre 2021

L'auto che misura le emozioni del conducente per guidare meglio

Il progetto i.Drive del Politecnico di Milano

Milano, 3 mar. (askanews) - Siamo pronti per le auto a guida autonoma? Come reagisce il guidatore? Le strade e le infrastrutture sono adeguate? Sono alcune delle domande a cui cerca di dare risposta i.Drive, progetto che coinvolge diversi dipartimenti del Politecnico di Milano. A raccontarci i dettagli il professor Andrea Bonarini responsabile del Laboratorio di intelligenza artificiale e robotica (AIRLab). Qui si studia lo stato emozionale del guidatore a bordo di veicoli autonomi, tramite dei sensori che rilevano una serie di dati.

"Ad esempio - ha spiegato - dove guarda il guidatore, anche quando sta guidando, il battito cardiaco, altri parametri fisiologici che servono per valutarne lo stato emotivo, questo può servire per tantissime cose: da andare a definire il comportamento dell'auto in maniera che riduca lo stato di stress, a progettare strade o rotonde in modo da evitare il più possibile incidenti e possa in qualche modo renderlo il più tranquillo possibile, ridurre lo stress".

Misurare le emozioni per rimanere più lucidi ed efficienti.

Si parla di

Video popolari

L'auto che misura le emozioni del conducente per guidare meglio

Today è in caricamento