Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Opera di Roma riparte, fra distanziamento e stagione ripensata

Il sovrintendente Fuortes: capienza in funzione dei congiunti

 

Roma, 2 set. (askanews) - Riparte l'Opera di Roma nell'era del distanziamento, con uno scorcio di stagione fino a novembre e un cartellone rivoluzionato; obbligatorie le misure di sicurezza al teatro Costanzi, come spiega il sovrintendente Carlo Fuortes, a margine di una cerimonia alla Nuvola dell'Eur: "Noi abbiamo presentato la stagione fino a novembre; avremo un balletto, Zaide di Mozart e all'inizio di novembre la Traviata. La prossima stagione inizierà nel dicembre 2020 e durerà tutto il 2021 sarà presentata a metà settembre. Abbiamo stravolto il programma; avevamo un balletto, Notre Dame de Paris; avevamo il "Rake's Progress" di Stravinsky; tutte produzioni rimandate agli anni futuri.

Quanto alla sicurezza, Fuortes aggiunge: "Le misure ovviamente devono tener conto del distanziamento interpersonale; il nostro protocollo prevede un metro fra gli spettatori e anche fra gli artisti. In teatro possono entrare dai 500 agli 800 spettatori, in funzione della presenza di un palco di una famiglia, perché i congiunti in un palco possono stare".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento