Mercoledì, 14 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo appello di Ezio Bosso: "la musica, comparto produttivo"

Nell'ultimo collegamento con Propaganda Live il 10 aprile scorso

Roma, 15 mag. (askanews) - Ezio Bosso era in lockdown come tutti gli italiani quando - ospite a distanza di Propaganda Live su La7 il 10 aprile scorso - disse: "Ti faccio il mio esempio: io senza la mia orchestra non ho un accesso al suono reale perché sono un direttore e i musicisti hanno bisogno dello scambio con le persone che non sono solo pubblico, ma suonano con il loro silenzio con noi. La musica, l'arte in genere, è un servizio socio-culturale e va riconosciuto come un comparto produttivo che produce benessere. È un coadiuvante sociale. La musica è una terapia per la società".

"Per me è anche una terapia personale, che in questo momento mi manca e non mi sta facendo bene, ma è una terapia per la società", ha concluso il direttore d'orchestra e compositore scomparso nella sua casa di Bologna a soli 48 anni.

La trasmissione condotta da Zoro ha salutato Bosso con questo tweet: "Ciao Ezio, grazie di tutto. Ci mancherai moltissimo".

Si parla di

Video popolari

L'ultimo appello di Ezio Bosso: "la musica, comparto produttivo"

Today è in caricamento