rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022

La carovana StopTheWar a Leopoli con aiuti alimentari e farmaci

Organizzata una marcia simbolica con sciarpa bianca per la pace

Leopoli, 2 apr. (askanews) - Le sedi della Caritas e dell'Ucrainan educational platform, alla periferia di Leopoli, si riempiono di aiuti alimentari e farmaci: è il primo gesto concreto della Carovana pacifista StopTheWar, partita da Gorizia, che ha varcato il confine con l'Ucraina per la prima giornata di azione solidale nel Paese colpito dal conflitto.

Oltre 32 tonnellate di aiuti, tra viveri e medicinali, da portare soprattutto nelle aree più remote difficili da raggiunere. Le decine di giovani e volontari impegnati nelle operazioni di scarico, preparano, con l'aiuto delle realtà locali, l'assemblea nelle strutture del Seminario. Gianpiero Cofano dell'Associazione Papa Giovanni XXIII è tra i principali promotori dell'iniziativa, sostenuta da quasi 160 organizzazioni.

"Incontreremo le autorità civili e religiose di Leopoli, passerà anche l'ambasciatore italiano (Pier Francesco Zazo), sperando che non scatti un allarme aereo; il gesto più segnativo è quello di questa marcia simbolica e silenziosa con la sciarpetta bianca con scritto #stopthewarnow 'pace subito', un messaggio che in silenzio vorremmo dare a tutti i cittadini di Leopoli e ai rifugiati che sono qui, attraverseremo la città circa 5 km a piedi portando questo messaggio".

Gli aiuti servono subito, dice, ma bisogna dialogare e far finire la guerra. "Il motivo umanitario in questo momento è prevalente ma quando una persona l'hai sfamata poi devi farla sedere a un tavolo, farla dialogare. Bisogna assicurare subito il cessate il fuoco, e poi arrivare a un dialogo concreto. E noi di dialogo in questo ultimo mese non ne abbiamo visto", ha concluso.

Si parla di

Video popolari

La carovana StopTheWar a Leopoli con aiuti alimentari e farmaci

Today è in caricamento