Martedì, 2 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lavrov: Italia non considera sanzioni a Russia strumenti efficaci

"Magari a Bruxelles non va", ma l'Italia "porta avanti relazioni"

Milano, 18 gen. (askanews) - Grande attenzione sul caso Navalny, ma è con l'Italia e con le sue relazioni con la Russia, che il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha aperto la sua prima conferenza stampa annuale totalmente virtuale, su Zoom, accanto alla sua portavoce Maria Zakharova, punta di diamante della diplomazia russa sui social e non solo. Il nostro Paese con la Russia, continua ad avere "buone relazioni", lo fa in maniera "sincera" e "magari a Bruxelles non sta bene", ma "porta avanti il suo diritto di sviluppare le sue relazioni bilaterali con la Federazione Russa", risponde Lavrov ad askanews, che gli chiede appunto come procedono le relazioni nell'anno della pandemia da Covid.

"Noi abbiamo con l'Italia delle buone relazioni" ha dichiarato Lavorv. "L'Italia è uno dei Paesi dell'Ue che segue i principi di solidarietà che esistono in Unione Europea, considerando senza scopo esercitare una politica aggressiva nei confronti della Federazione russa". Quanto alle sanzioni contro Mosca, Lavrov riconosce che l'Italia si è unita a tali sanzioni, "ma l'Italia non le considera una panacea, e in base alle mie valutazioni in seguito ai contatti con i colleghi italiani, non le considera strumenti efficaci".

Lavrov ha sottolineato che "tale linea disegna bene la giusta comprensione degli interessi nazionali della Repubblica italiana, il business, i suoi cittadini che sono molto interessati a proseguire i contatti umanitari, sportivi, culturali e altro tra le persone".

Lavrov ha inoltre definito "una bella tradizione" gli anni incrociati della cultura, della lingua, della letteratura e la linea regionale di contatti che aiutano a "rispondere alle domande delle persone semplici e del business. Esiste inoltre un meccanismo del 2+2 quando i ministri della Difesa e degli Esteri si incontrano e affrontano i problemi globali e regionali". La statistica degli incontri è appena stata redatta proprio dal ministero degli Esteri russo in un volume dedicato alle relazioni internazionali della Russia.

Servizio di Cristina Giuliano

Montaggio a cura di Alessandro Violante

Immagini a cura di askanews/afp

Si parla di

Video popolari

Lavrov: Italia non considera sanzioni a Russia strumenti efficaci

Today è in caricamento